HOME

archivio NOTIZIE

Sul sito di Andrew Lewis (www.sellaband.com) si investe sulle band emergenti

 

Londra, band stock contro la crisi della musica: i fan diventano azionisti dei loro gruppi preferiti

 

NUOVA MODA – Contro la crisi della musica, che danneggia in primis i talenti emergenti, è nato un sito internet: si chiama www.sellaband.com, lo ha creato Andrew Lewis e promette meraviglie. A una condizione: i fan devono credere nelle loro band preferite fino a diventarne azionisti

di Irene Rinaldi

LONDRA (3 settembre 2008) – Lo chiamano band stock. Si tratta di un nuovo sistema ideato da Andrew Lewis, un avvocato specializzato nell’industria discografica, che permetterà ai fan di diventare azionisti della propria band preferita, grazie ad un nuovo sito web. La musica in Inghilterra sta vivendo un grande periodo di crisi, dovuto al fatto che le vendite sono molto calate. Ciò comporta l’impossibilità di investire su nuovi talenti, su giovani band.

 

La crisi della musica c’è. Purtroppo non si vede. Non se ne parla, forse perché non influisce in modo così diretto sulla vita di un Paese e dei suoi cittadini. Insomma, non è un tema caldo dell'agenda politica. Eppure il problema è grande: molte persone stanno per essere licenziate, tanti artisti sono a rischio e la nascita di nuovi talenti è quanto mai incerta. Per questo, come una soluzione possibile, è nato il band stock: sognato da Andrew Lewis e finanziato dal fondatore della Friends Reunions.

 

Navigate su www.sellaband.com e vi accorgete di quante cose si possono fare: trovare nuova musica ascoltando artisti da tutto il mondo gratuitamente e per quanto tempo si vuole, sostenere l’artista ad ottenere 50mila dollari (il target da raggiungere per registrare un album), beneficiare del prodotto creato. Lewis spera che mediante band stock almeno dieci album verranno registrati. I guadagni dalla vendita saranno ripartiti per metà all’artista, per il 30 percento a chi aderirà al band stock e per il 20 percento al sito web.

 

Gli investitori avranno diritto a una copia del loro album, un credito per la copertina del cd e una percentuale del profitto ricavato dalla vendita. Avranno anche la priorità per prenotare i biglietti e l’opportunità di comprare le edizioni limitate. Per gli artisti, Andrew Lewis dichiara che band stock offrirà un profitto migliore di quello ricevuto dalle maggiori etichette, così come più libertà e controlli sul diritto d'autore. Alcuni giovani cantautori come FrYars e Jersey Budd hanno già sperimentato questo sistema. Nel suo profilo myspace, lo stesso Jersey dichiara: “Non sono un uomo d’affari, scrivo solo canzoni, ma prometto che se investirete e crederete in me non vi deluderò”.

 

 

TORNA SU